Il Blog di Geronimo

Una giornata storta... o forse no?

11 Aprile 2016


Cari bocconcini di grana,


vi è mai capitato di avere una di quelle giornate così lunghe e piene di disavventure, che non vedete l’ora che finiscano e arrivi la sera? A me è capitato proprio ieri... ora vi racconto cosa mi è successo.


Qualche giorno fa ho ricevuto l’invito alla cerimonia di inaugurazione del nuovo centro visitatori del Parco Nazionale dell’Isola dei Topi, un parco coi baffi vicino a Rocca Taccagna. Quando io e Tea eravamo due topini come voi, Zia Lippa ci portava sempre lì a fare delle escursioni: la mia parte preferita erano ovviamente i pic-nic finali, con tutte le prelibatezze preparate da Zia Lippa!


Proprio per questo, quando mi è arrivato l’invito, non ho avuto un attimo di esitazione: non stavo nella pelliccia dalla voglia di rivedere uno dei miei luoghi del cuore! E poi, all’inaugurazione avrebbero partecipato parecchi roditori importanti: era un’ottima occasione per fare qualche intervista!


E così, sabato sera sono andato a dormire di buon’ora: il giorno dopo la sveglia sarebbe suonata alle 5:00! Quando la mattina dopo ho aperto gli occhi, però, c’era qualcosa di strano… anziché essere buio come nella pancia di un gatto affamato, fuori dalla finestra stava già sorgendo il sole!

Per mille mozzarelline, ho guardato la sveglia e ho fatto un salto alto almeno quattro code: durante la notte si erano scaricate le pile, e così la sveglia non era suonata!


Squiiit, ero davvero in RITARDO!


Mi sono precipitato fuori dal letto e sono corso in bagno a prepararmi… ma nella fretta sono scivolato sul pavimento bagnato, e sono precipitato proprio sul mio sottocoda! Ahi ahi ahi, che male! Come se non bastasse, poi, anzichè il dentifricio ho messo sullo spazzolino la crema alle muffe di montagna per baffi stanchi: non appena mi sono spazzolato i denti, sono diventato verde per il disgusto!


Ho afferrato i primi vestiti che ho trovato nell’armadio e mi sono precipitato in stazione. Per fortuna tra i treni in partenza ce n’era uno diretto a Rocca Taccagna: non appena sono salito sul vagone e il treno è partito, ho tirato un sospiro di sollievo... forse ce l’avrei fatta ad arrivare in tempo! Poco dopo, però, mi sono accorto che gli altri viaggiatori continuavano a fissarmi, e qualcuno di loro rideva sotto i baffi. Per mille mozzarelline, forse avevo i baffi sporchi di dentifricio? O forse avevo la pelliccia ancora arruffata? O forse… ecco cos’avevo di strano: al posto della camicia indossavo la camicia del mio pigiama, quella decorata con le fette di formaggio!! Squiiit, che vergogna!


Non ho fatto in tempo a pensare a una soluzione, che il treno ha frenato bruscamente e il capotreno ci ha annunciato che, a causa di un ostacolo sui binari, il treno doveva terminare la corsa: per mille formaggini, e ora come avrei fatto a raggiungere il parco? 

Ho pensato di chiamare un taxi, ma il mio cellulare era scarico! L’unico modo era proseguire a piedi, anzi di corsa: per fortuna il treno non si era fermato molto lontano, forse ero ancora in tempo! E così, mi sono messo a correre lungo la strada che porta al Parco… ero quasi arrivato a destinazione quando è scoppiato un temporale improvviso, e in un batter di baffi mi sono trovato fradicio dalla punta delle orecchie alla punta della coda


Insomma, quando finalmente sono riuscito a raggiungere la nuova sede del Parco Nazionale ero in ritardo, con la pelliccia gocciolante e il pigiama al posto della camicia… non appena sono entrato in sala, tutti i roditori presenti si sono voltati a guardarmi! Squiiit, avevo proprio il morale sotto le zampe!


Quando la presentazione è terminata, con i baffi all’ingiù per lo scoraggiamento mi sono diretto verso l’uscita del Parco per tornare a casa. Ma proprio in quel momento, una vocina famigliare mi ha chiamato: “Zio G, Zio G! Dove stai andando? Noi ti stavamo aspettando per il pic-nic!”


Mi sono voltato e ho visto Zia Lippa, Tea, Trappola, Benjamin e Pandora fermi ad aspettarmi, che reggevano delle ceste da pic-nic piene di prelibatezze... che sorpresa stratopica! Dopo una giornata così, un po' di tempo con loro era proprio quello di cui avevo bisogno!


E così, grazie a loro, ho dimenticato tutte le disavventure di quella giornata e ho passato un pomeriggio coi baffi all’insegna dei ricordi e delle leccornie di Zia Lippa: perchè, dopo tutto, la cosa più importante è avere intorno a sé qualcuno che ci vuole bene, e che riesce a risollevarci il morale anche nelle giornate più nere!


E a voi è mai capitato di avere una giornata così nera che più nera non si può, e di tornare di buonumore grazie ai vostri amici? Raccontatemelo nei commenti!


Un topoloso saluto dal vostro amico


Geronimo Stilton


P.s.: che sbadato, cari topini e topette… stavo quasi per dimenticarmi di dirvi che da domani troverete in libreria due stratopici top-seller, direttamente dal mondo delle Tea Sisters! Se ne volete un assaggio al formaggio, andate subito nella sezione Leggi: troverete i primi capitoli di “Un sogno a passo di danza” e “Il diario segreto delle Tea Sisters 4”, in anteprima per i topo-amici della community!

Commenti

  • patzoe1

    patzoe1

    Pubblicato il
    06/05/2016

    Geronimo secondo me l'articolo era molto bello e significativo ti ringrazio per aver postato questo articolo e approfitto di questa occasione per dirti che sei mitico e che sono una tua grandissima fan BACI

  • nadia

    nadia

    Pubblicato il
    05/05/2016

    lucciola Mimì scusate ma per molti giorni non ho avuto tempo di scrivere. Qualcuno mi spiega come faccio ad ottenere amicizie?

  • bellacoda

    bellacoda

    Pubblicato il
    16/04/2016

    A me capita moltissime volte di avere giornate storte .

  • Yaya yeya

    Yaya yeya

    Pubblicato il
    16/04/2016

    Io quando sono triste riempio un palloncino di farina e lo stress va via subito Baci Baci ByYaya

  • Isa45

    Isa45

    Pubblicato il
    15/04/2016

    Vado subito in libreria!!

  • valeggitutto

    valeggitutto

    Pubblicato il
    14/04/2016

    l'ho gia comprato, è bellissimo!

  • JamesMaslow23

    JamesMaslow23

    Pubblicato il
    13/04/2016

    A me le giornate non vanno tanto storte, ma a scuola ci viene di andarcene a casa,soprattutto se abbiamo fame

  • titti

    titti

    Pubblicato il
    13/04/2016

    anche a me capitano le giornate no tipo quella di ieri dove mi andava tutto storto.

  • sorcilla modaletti

    sorcilla modaletti

    Pubblicato il
    12/04/2016

    Se volete saperlo una giornata no è stata oggi. Ora guardo la tv, mi aiuterà...

  • Topina Romantica

    Topina Romantica

    Pubblicato il
    12/04/2016

    Ciao, sono tornata solo per un saluto. Se vi va scrivetemi in baki, risponderò anche se tardi😉. Un bacio grande Greta❤️

  • Sofyetta

    Sofyetta

    Pubblicato il
    11/04/2016

    A me, di solito quando ho una giornata storta bevo un po' di latte caldo (in inverno) o the freddo (in estate). Oppure do calci e pugni al divano o faccio svenire mia mamma raccontandogli i miei problemi (dovrò pur sfogarmi in qualche modo no???).

  • AlexandraTopandra

    AlexandraTopandra

    Pubblicato il
    11/04/2016

    Ciao!Si mi è capitato caro Ger!Che bello!Il loro quarto diario!AWWW!!♥Ciao Geronimo,chiamato da Napoleone Bonaparte e da Giuseppina,Geronimeaux(Sto leggendo Viaggio nel Tempo 5 che mi ha prestato una mia compagna di scuola)!

  • Topstar

    Topstar

    Pubblicato il
    11/04/2016

    FORTE!!!!!!! GRAZIE ZIO G!!!! X NON DIMENTICARSI DI TEA E DELLE TEA SISTER!!!!!!! ✨YOU ARE THE BEST!!!!!!!!!!! ✨✨✨✨✨🌺🌸🌸🌼🌸🌺❤️ GRANDI!!!! TROPPO FORTE!!!!!!! CIAOOO!!!!!!!!!!!!! G, TEA E TEA SISTER PUBBLICATE THIS COMMENT PLEASE!!!!!!!

  • MaryF Leggitutto.

    MaryF Leggitutto.

    Pubblicato il
    11/04/2016

    Ciao a tuuutti! ;D Oggi ho fatto le gare di inglese, erano più difficili del solito, ma dovrebbero essere andate bene. Ora vado a studiare, ciauz!! :)) Mary Fra ♥♥♥♥

Geronimo Stilton World
Geronimo Stilton World